logo hor onwhite

Come innaffiare le orchidee

Come innaffiare le orchidee

Quando e come innaffiare le piante?

Questa è una delle questioni più importanti per la cura delle orchidee. Questo perché la cura delle orchidee è diversa dalle tecniche utilizzate per molte altre piante. La maggior parte delle piante viene annaffiata solo quando viene annaffiata regolarmente e correttamente. La cura delle orchidee richiede una serie di passaggi leggermente diversi. Questo articolo spiegherà questi passaggi e li renderà facili da seguire.

La cura delle orchidee richiede la corretta identificazione del tipo di pianta. Questo è necessario perché le diverse orchidee richiedono diversi tipi di cure. È necessario conoscere l’origine della pianta, il che significa che può essere un po’ più difficile prendersi cura delle orchidee in generale. Alcune delle orchidee più facili da curare sono le phalaenopsis e le cattleya. Possono fiorire per due o tre mesi.

La fase iniziale e più importante della cura delle orchidee è l’annaffiatura. Questo vale soprattutto per le orchidee terrestri, le cui radici sono effettivamente piantate nel terreno. Se le innaffiate troppo frequentemente, moriranno. Se non siete sicuri che abbiano bisogno o meno di essere annaffiate, è meglio andare sul sicuro e lasciarle andare.

Una volta ogni cinque-sei settimane è la frequenza d’irrigazione migliore per le orchidee. Se le radici crescono attivamente, la pianta avrà bisogno di più acqua rispetto a quando è in stato di riposo.

L’acqua utilizzata deve poter circolare liberamente intorno all’apparato radicale della pianta. Ciò significa che deve poter defluire e non accumularsi intorno alle radici o alla chioma della pianta. Se si usa acqua dura o si riempie troppo il vaso, può essere molto dannoso per le radici.

Quando la vostra orchidea cresce attivamente, avrà bisogno di più fertilizzante rispetto a quando è in stato di riposo. Ciò dipende dal tipo di orchidea e dal tipo di fertilizzante utilizzato.

I fertilizzanti per la cura delle orchidee sono di diversi tipi. Ci sono quelli per il fogliame della pianta, quelli per le sole radici, quelli per tutte le piante e quelli di cui hanno bisogno tutte le orchidee.

Quando si inizia a curare le orchidee è meglio usare fertilizzanti a lento rilascio, perché durano a lungo. Ci sono quelli che si possono usare una volta al mese e una volta all’anno.

Questi fertilizzanti sono utili per la pianta, a patto che siano usati in modo corretto. Se ne usate troppo, possono bruciare l’apparato radicale e uccidere la pianta.

Per la cura delle orchidee si può utilizzare anche un altro tipo di fertilizzante, chiamato metodo della spirale dell’insulto. Il metodo della spirale insultante è un po’ più avanzato.

Con il metodo della spirale insultante si praticano diversi piccoli fori sul lato della corona della pianta. Poi si interra un pezzo di cartone bianco all’interno del foro. In primavera, il cartone si decomporrà e l’acido aristolochico e la linfa si raccoglieranno nella cavità, nutrendo la pianta.

Si utilizzerà solo un terzo del fertilizzante in qualsiasi momento e si potrà usare una vernice per coprire il cartone per una maggiore protezione. Lo stesso procedimento può essere utilizzato con i nutrienti primari e secondari: azoto, fosforo e potassio.

È meglio usare la vernice per mantenere in salute le piante, piuttosto che per rovinarle. L’azoto è il nutriente principale che deve essere ben fornito nel programma di cura delle orchidee.

Articoli correlati